Paesaggi del Silenzio

PAESAGGIDELSILENZIO

Progetto, Fotografie, laboratorio a cura di Alessia Cerqua | Laboratorio Immaginari Urbani
Fiumicino, 8-9 marzo 2013 (Castello di Maccarese) e 22-23 marzo 2013 (Villa Guglielmi).

Il progetto è vincitore di un bando di Concorso Internazionale, patrocinato e finanziato dal Comune di Fiumicino, con il supporto tecnico della Pro-Loco Fiumicino, della Maccarese SpA e della Riserva Naturale del Litorale Romano.

“….Scandagliare il territorio in cerca di tracce, di memorie, di relazioni tra uomo e territorio, tra visibile e invisibile. Durante il viaggio, emergono – come emergessero dal mare – immagini archetipe, mappe mentali, geografie immaginarie, racconti di uomini e di terra, di alberi e di sogni.

“Il tempo del paesaggio non è il tempo dell’uomo. 

Il tempo del paesaggio è il tempo del silenzio. 

Il tempo dell’uomo è il tempo del rumore.” (Eugenio Turri)

Paesaggi del Silenzio, a volte invisibili agli occhi, in cui le fotografie, le mappe, le parole, servono per avvicinarsi e raccontare quello che di solito guardiamo distrattamente, da lontano.

Paesaggi del Silenzio, osservati e narrati secondo una logica che favorisce la ricerca di segni che la storia ha tramandato e mantenuto, in cerca di una subcosciente memoria proustiana di coesistenza tra presente e passato, un inarrestabile panta rei che unisce quello che è stato a quello che ancora non è.”

Alessia Cerqua, 2013

“Le immagini dei nostri paesaggi – afferma l’Assessore all’Ambiente, Gino Percoco, che prosegue -, quelle che abbiamo impresse in noi, rappresentano una parte integrante della nostra vita, che dimentichiamo, ma che rappresenta il nostro imprinting. Spesso,  presi dalla velocità quotidiana, releghiamo in un angolo della nostra anima, sentimenti ed emozioni.

Percorrendo anche solo con la mente, le strade che attraversano i paesaggi della Riserva, ritroviamo momenti e ricordi legati ai colori del paesaggio oppure a un evento o momento particolare della nostra vita. Ma la cosa più sorprendente è che ogni immagine accompagna uno stato d’animo diverso, a seconda del paesaggio,  infatti, ci sono emozioni e sentimenti che mutano con il mutare dei colori, della natura, della vegetazione.

Quindi, osservando le foto realizzate dall’Architetto Cerqua, ho potuto scorrere con il pensiero le immagini della mia vita, legate al paesaggio e ai luoghi della mia giovinezza e ora della mia maturità: è come se osservando, mi fossi immerso realmente tra quei campi, tra quegli alberi con le fronde agitate dal vento, tra quei sentieri e quelle staccionate. Trovarsi con il corpo in un posto, ma sentirsi con gli occhi e con la mente immersi nella natura anche un po’ selvaggia, di questo nostro territorio.

Credo che queste immagini ci offrano la possibilità di apprezzare ancor di più la bellezza dei nostri paesaggi, che dobbiamo a tutti i costi preservare per dare la possibilità anche alle future generazioni, di poter vivere un’esperienza interiore così intensa, che ci viene regalata solo dalla bellezza della natura”.

 

Patrocini e Sponsor tecnici: Comune di Fiumicino | Pro-Loco di Fiumicino | Riserva del Litorale Romano | Maccarese SpA

 

 

Share on: FacebookTwitterPinterestGoogle +